Hot

LA RIVINCITA DELL‘OLTREPO‘ PAVESE: IL rilancio di Regione Lombardia in collaborazione con gli imprenditori

Focus Oltrepo
Font size:
Print

L’Oltrepò Pavese ritornerà a splendere grazie ai progetti di rilancio di Regione Lombardia in collaborazione con gli imprenditori e le realtà locali. Le terme, i borghi, l’enogastronomia e la storia di questo posto attireranno migliaia di turisti nel nostro territorio.

L’Oltrepò Pavese è una porzione di territorio incuneata tra l’Emilia-Romagna, il Piemonte e la Liguria in cui il tempo è fermo al passato. A testimoniarlo vi sono più di una cinquantina di borghi e castelli; senza parlare delle terme secolari, delle antiche ricette e tradizioni e dei paesaggi rurali in grado di donare viste mozzafiato.

Questo territorio ha tutte le potenzialità per poter decollare a livello turistico, ma servono alcuni interventi per rilanciare l’Oltrepò Pavese sul panorama internazionale. E’ per questo motivo che Regione Lombardia in collaborazione con gli imprenditori e le realtà del territorio ha da tempo intrapreso un progetto di rinascita per questa zona.

«Questa è una terra di antichi casali, torri affascinanti e attrezzati in grado di soddisfare ogni esigenza. Un quadro che attrae e cattura la vista conquistando anche i sensi dei visitatori, con terme note fin dall’epoca romana per le loro acque curative. Senza dimenticare un’enogastronomia locale fatta di vini d’eccellenza e salumi Dop che completano un’offerta di benessere a 360°. La sfida è portare qui migliaia di turisti, tanti stranieri che, sono certa, si innamoreranno di questi luoghi» - spiega Barbara Mazzali, assessore a Turismo, Marketing territoriale e Moda di Regione Lombardia.

Questo piano punta al rilancio di molte realtà a partire dalla filiera enogastronomica in chiave enoturista dando la possibilità ai visitatori di degustare la cucina e i vini dell’Oltrepò soggiornando in uno dei numerosi castelli delle colline pavesi, dove potranno essere organizzati eventi, congressi e matrimoni.

Un altro aspetto fondamentale di questo piano è la riattivazione del patrimonio termale di Salice terme. Si parla di fonti termali storiche che necessitano di tornare presto in uso grazie agli interventi in progetto portato avanti da Terme Italia, con lo scopo di creare un network di centri termali a livello nazionale.

Come ha spiegato Stefano Antonio Zaghis di Terme Italia «La visione che ci contraddistingue trae spunto dall’integrazione fra i concetti di relax, spa e medical, intesa come medicina preventiva, curativa e riabilitativa. La complementarità dei servizi a cui stiamo lavorando ha infatti come obiettivo la creazione di una destinazione termale sinergetica».

L’Oltrepò Pavese ha tutti i numeri in regola per essere una grande zona turistica e grazie a questo progetto di rilancio il nostro territorio potrà accogliere migliaia di turisti vogliosi di scoprire, degustare, assaggiare e vivere tutto ciò che l’Oltrepò offre e sicuramente ne rimarranno estasiati.

Related Posts
or

For faster login or register use your social account.

Connect with Facebook